Giannoni&Santoni – Aurelio Amendola – Michelangelo – Affreschi digitali & dintorni

amendola banner cancello 400x250.indd

Giannoni&Santoni

presenta

Aurelio Amendola

Michelangelo, Affreschi Digitali e Dintorni

Regia Alberto Bartalini

Sala mostre dell’ Accademia delle Arti del Disegno

Via Ricasoli 68, Firenze

15 Dicembre – 6 Gennaio 2018

 

Il 14 dicembre, in un incontro rivolto a stampa, architetti, autorità, accademici e amici verrà presentata in anteprima la mostra di Giannoni&Santoni “Aurelio Amendola: Michelangelo, Affreschi Digitali e Dintorni” con la regia di Alberto Bartalini, direttore artistico di Giannoni&Santoni. Negli spazi dell’Accademia delle Arti del Disegno verranno esposte 15 opere della nuova collezione “Affreschi Digitali e Dintorni” raffiguranti le immagini michelangiolesche di Aurelio Amendola, realizzate dall’azienda.

 Dall’unione fra “l’affresco digitale”, tecnica espressiva nata dalle idee pionieristiche e eclettiche dell’architetto Bartalini, la sperimentazione dell’azienda toscana Giannoni&Santoni e la dimensione artistica di Aurelio Amendola nasce la nuova collezione “Affreschi Digitali e Dintorni”, in cui l’opera di Michelangelo immortalata dall’artista, viene riproposta su superfici materiche successivamente trattate a mano. L’iconografia dell’artista parla attraverso la materia, creando una realizzazione dall’alto valore artigianale, che attualizzando il repertorio artistico classico, crea apparati decorativi suggestivi dal fortissimo impatto emotivo.

La ricerca di nuovi ambiti espressivi accomuna la produzione di Giannoni&Santoni con l’attività di Aurelio Amendola, noto fotografo e Accademico delle Arti del Disegno, collaborazione nata dall’intuizione dell’architetto Bartalini che negli anni ha creato anche importanti connessioni fra l’azienda e affermati artisti del calibro di Claudio Zoccola, Stefano Tonelli, Caterina Crepax, Stefano Stacchini, Igor Mitoraj, Ugo Nespolo, Enrico Baj e Arnaldo Pomodoro.

Operando come una Bottega Toscana del Quattrocento, Giannoni&Santoni, recupera e reinterpreta lavorazioni antiche e, attraverso la propria cultura del mestiere e conoscenza dei materiali, sperimenta nuovi modi di plasmare la materia.

La mostra realizzata con la regia del direttore artistico della azienda Alberto Bartalini e frutto di una collaborazione con l’Accademia delle Arti del Disegno, la più antica accademia d’arte del mondo occidentale fondata da Giorgio Vasari e da Cosimo I de’ Medici nel 1563, presenta le opere di Aurelio Amendola in un contesto privilegiato, a pochi passi dagli originali michelangioleschi.

Nella sala principale saranno esposte 15 opere realizzate su supporti in cemento, oro, ossido di ferro, fibre e trasparenze, tutti materiali appartenenti alle collezioni Giannoni&Santoni. Al centro dello spazio sarà presente una rivisitazione della Pietà di Michelangelo  in polistirolo in scala 1:1 di suggestivo impatto.

Gualtiero Vanelli, anch’egli accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno, titolare della Robot City _Italian Art Factory, azienda leader per la lavorazione del marmo che unisce tradizione e innovazione, realizzerà una rilettura della Pietà in marmo di dimensioni 50x50cm, creando uno stretto dialogo con la Pietà fotografata da Aurelio Amendola e quella realizzata in polistirolo.

Libro Amendola Vaticano

All’interno dello spazio sarà possibile ammirare l’opera fotografica originale di Aurelio Amendola attraverso i suoi scatti più celebri e anche il volume “Michelangelo. La dotta mano”, pubblicato in tiratura limitata dalla Casa editrice FMR, che celebra il genio di Michelangelo Buonarroti eletto, nell’anno della fondazione, primo Accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno, immortalato dal celebre fotografo.
 

 

 Foto BACK STAGE

Giannoni&Santoni -Affreschi digitali aurelio amendola (3)

Giannoni&Santoni -Affreschi digitali aurelio amendola (1)

Giannoni&Santoni -Affreschi digitali aurelio amendola (4)

cof

mde

mon

cof

cof

Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva Salva

Salva

Salva